Il paradosso di Pancrazio

Pancrazio e’ la creatura di un elettrotecnico “meneghino” strampalato e vulcanico, che pur esprimendosi in dialetto meneghino, si picca di cultura, e sa che il pancrazio era la disciplina piu’ valutata nella Grecia in quanto sport di combattimento completo. Purtroppo, e tutto il libro e’ qui per ricordarlo al lettore, un nome non fa il destino. Per ironia del destino stesso infatti, in risposta inconscia alla megalomania stravagante del padre, il figlio, Pancrazio, si rivela un essere molle, senza passione ne’ pensiero, che fa piccoli lavori senza interesse per vivere, quando puo’, ma che preferisce nettamente andare su Internet, dove Google tiene il posto della cultura, e frequentare i siti d’incontri, di compagnia. Oppure guardare trasmissioni di telerealta’ e altri programmi di non molto alto livello fino a tarda notte. Oppure ancora interrogare una veggente sul suo futuro.

Dettagli del libro

Titolo

Il paradosso di Pancrazio

Autore

Luigi Pistillo

Editore

Mursia Editore

Pagine

248

Autore

Luigi Pistillo

Luigi Pistillo, nato a Campobasso, vive a Milano.
Ha conseguito laurea in lettere moderne all'Universita' di Urbino.
Collabora con vari periodici in qualita' di critico drammatico e lettarario.
E' autore di opere e adattamenti teatrali. Gia' direttore artistico del Lombardia Festival e di numerose altre manifestazioni, ha scritto e diretto il film Trincea, presentato in vari festival a New York, Berlino, Lubiana.
Il paradosso di Pancrazio e' il suo primo romanzo.

Pancrazio re dell’assurdo.
Pancrazio e’ la creatura di un elettrotecnico meneghino strampalato e vulcanico, che pur esprimendosi in dialetto meneghino, si picca di cultura, e sa che il pancrazio era la disciplina piu’ valutata nella Grecia in quanto sport di combattimento completo.
Purtroppo, e tutto il libro e’ qui per ricordarlo al lettore, un nome non fa il destino. Per ironia del destino stesso infatti, in risposta inconscia alla megalomania stravagante del padre, il figlio, Pancrazio, si rivela un essere molle, senza passione ne’ pensiero, che fa piccoli lavori senza interesse per vivere, quando puo’, ma che preferisce nettamente andare su Internet, dove Google tiene il posto della cultura, e frequentare siti d’incontri, di compagnia. Oppure guardare trasmissioni di telerealta’ e altri programmi di non molto alto livello fino a tarda notte. Oppure ancora interrogare una veggente sul suo futuro. Qualche volta anche a riferire all’amico Franco, un “intellettuale” per modo di dire, le sue esperienze e i pensieri che ne derivano.
Insomma, Pancrazio e’ un ragazzo tiepido, non tanto diverso da quelli della sua generazione che nessuno avrebbe l’idea di fare entrare come protagonista di un romanzo.
Ed ecco questo Pancrazio candidato per incontrare una pornostar famosa. Eccolo dopo a volere trovare una ragazza via Internet. A comprare dei canarini. Eccolo alle prove con una vicina cattiva, e con il terribile mondo del condominio. Potrebbero essere vicende banali, ma non lo sono. Perche’ ovviamente niente succede come saremmo in diritto di aspettarcelo. Perche’ se incontrare una pornostar potrebbe essere una truffa commerciale, e incontrare ragazze via Internet una delusione, l’ingenuita’ con la quale si lancia Pancrazio in ogni avventura fa si’ che la situazione degeneri verso l’assurdita’, anzi l’incubo piu’ assoluto.
E non tanto piu’ fortunato e’ il padre, che all’apice del libro, senza cercare l’avventura (cosa piu’ banale che prendere un autobus o il tram quando la patente non ce l’hai piu’ per ragioni oscure?), la trova lo stesso…

Questo libro potrebbe essere chiamato “Inno all’assurdita’ delle situazioni in teoria quotidiane”. In effetti, il lettore lo legge come una partizione musicale: un crescendo sempre piu’ forte fino al culmine che viene raggiunto con le sventure del padre nella grande citta’, che rilancia echi del 1984 di George Orwell, ma con maggiore leggerezza, fino a un lento decrescendo e un ultimo soprassalto e infine silenzio progressivo.

L’autore da prova senza dubbio di una maestria da capo orchestra: a uno stile vivace, ricco di punti esclamativi e onomatopee, si aggiungono numerosi dialoghi, spesso coloriti da un sapere dialettalo-inventato, o conversazioni tra i protagonisti, rapidi come il volo, ricchi di malintesi e nonsense comici, un po’ come nel teatro di strada.

Al di la’ del fatto che ci si puo’ chiedere che dote particolare l’autore possieda per decollare da un punto A concreto a un punto Z assolutamente delirante, questo romanzo ha indubitabilmente una profonda dimensione sociale. Se la forma (una lingua ricca, degli effetti stilistici vari e ricercati)conduce il lettore a godere questa gioiosa lettura (esistono ancora scrittori capaci di interessarsi alla lingua, alle lingue, e quindi a giocare con loro), il fondo (persone “ordinarie”, ne’ simpatiche ne’ antipatiche, ne’ particolarmente intelligenti o stupide, confrontate a situazioni troppo grandi per loro), ci tende uno specchio cattivo, che per via della luce, ci farebbe vedere in potenza dieci i nostri difetti e anche i brutti colori attorno a noi.
Un libro ancorato nel presente quindi, non pesante, e’ per questo ancor piu’ efficiente, che ci porge domande, ma, non essendo un libro politico o un saggio, evita di fornire le risposte… Magari si puo’ suggerire all’autore un secondo volume delle “avventure” di Pancrazio in cui quest’ultimo ci mette la stessa energia a portare le risposte alle domande che ha fatto nascere in noi. Perche’ no?

Per concludere, se il lettore dovesse leggere un solo capitolo (ma spero che non lo faccia) sarebbe il capitolo XV intitolato “autobus pericoloso”, nel quale una strana associazione di utenti si impiega a torturare la brava gente… La quintessenza del libro, quello che lo riassume meglio: creazioni linguistiche, stilistiche, al servizio della messa in scena della paranoia generale, caricature portate fino all’estremo per il nostro piacere, ma che trova radici nel mondo che si e’ costruito e negli esseri umani che l’hanno partorito.