PLAID DA VIAGGIO

PLAID DA VIAGGIO

In genere le cose più belle capitano all’improvviso e ci piombano addosso inattese. Un bellissimo giorno di inizio inverno mi scrive Gabriella Bardaro e – bontà sua – avanza l’idea di creare un contenitore sul web corredato dei passi di testi molto amati lungo la mia ‘carriera’ di appassionato lettore. Brani che un po’ per gioco, un po’ per esercizio di scrittura, mi diletto a ribattere e postare sulla mia pagina di Facebook; potresti chiamarlo “Plaid da viaggio” suggerisce, traendo spunto dalla prima pagina della Montagna incantata di Thomas Mann, dove all’inizio del Novecento il protagonista giunge in treno al sanatorio svizzero di Davos-Platz con “una valigetta di coccodrillo…col suo cappotto invernale che oscillava appeso a un gancio, e la coperta da viaggio arrotolata…”.

L’abbozzo iniziale si fa strada: la parola plaid – una voce inglese di etimo incerto, dallo scozzese plaide, ‘coperta’ – richiama la sensazione tattile di morbidezza della lana e dei filati lavorati per comporla. Il plaid da viaggio si trova (e non sempre) nelle grandi sellerie e valigerie, spesso arrotolato e dotato di una cinghia di cuoio a forma di maniglia.

Credo che leggere sia legato al desiderio di rincantucciarsi in un luogo appartato; riordinare i propri io frammentati; richiamare lo sforzo di centrarsi (e concentrarsi) su un unico obiettivo: la pagina scritta davanti a noi. E il sottile piacere procurato dall’uso di un plaid da viaggio è parsa una metafora azzeccata per rappresentare l’approccio di un lettore dedito a coltivare e proteggere la propria spiritualità, nel più misterioso e forse divertente dei riti individuali.

Su questo sfondo si origina un nuovo rifugio dedicato ai lettori impenitenti. Potrete ricordare con noi alcuni brani rimasti impressi nella memoria collettiva della letteratura: commentarli e discuterli, appassionarvi ancora una volta nel rileggerli a distanza di tempo dalla prima lettura. Ci piace immaginare che dal confronto di vedute sia possibile arricchire le esperienze individuali di ciascun lettore, anche quelle provenienti dal più solitario degli hobby, insuperato nutrimento dell’anima.

Per saperne di più 🔜 https://www.facebook.com/plaiddaviaggio/