Dieci minuti con… “I Medici. Una dinastia al potere” di Matteo Strukul

Dieci minuti con… “I Medici. Una dinastia al potere” di Matteo Strukul

strukul

“… sognare non aveva mai danneggiato nessuno, a quanto sapeva Cosimo. Piuttosto, era proprio dalle visioni più incredibili e grandiose che prendevano vita le imprese più straordinarie”.

 

Uomini. Potere. Amori.

Leggi e ti sembra di vedere i personaggi, comprenderne i caratteri, tratteggiarne le gestualità.

Matteo Strukul dedica il primo volume della trilogia sui Medici (a questo seguono infatti “I Medici. Un Uomo al Potere” e “I Medici. Una Regina al Potere”, che andranno rispettivamente a parlare di Lorenzo il Magnifico e Caterina de’ Medici) a Cosimo, raccontando la sua difficile ascesa al potere, dall’infruttuosa guerra contro Lucca alla vittoriosa battaglia di Anghiari, che permise ai fiorentini di consolidare il dominio sulla Toscana.

Un decennio che l’autore fa rivivere attraverso una narrazione per quadri, amalgamata da una capacità discorsiva incalzante, viva e fiera.

Il lettore si ritrova costantemente esposto in prima persona di fronte al bivio delle scelte, obbligatorie per i protagonisti.

Cosimo, amante dell’arte e della cultura, pone le basi affinché la famiglia di banchieri possa diventare il centro del mondo. Mentre i lavori per la realizzazione della cupola di Santa Maria del Fiore procedono sotto la direzione di Filippo Brunelleschi, gli avversari continuano a tessere trame ed bramare rivalse.

Il filo narrativo del romanzo passa dagli intrighi nei palazzi dei nobili alle congiure delle famiglie più influenti, dalle strade ricoperte di sangue durante gli agguati ai letti di morte dei potenti dell’epoca, avvelenati da abili traditori. Una ragnatela di cospirazione ricostruita minuziosamente da Strukul.

Signoria fiorentina e Rinascimento la cornice del tutto, dentro la quale il tutto prende forma.

Intervistare Matteo per me è stato come aprire una scatola piena di tesori e doni, senza tempo.

  • Il tuo romanzo è dettagliato, certosino. Ha una ricostruzione storica vera, raccontata in maniera avvincente. Matteo, quanto lavoro di ricerca c’è alle spalle?

E’ un’opera ampia e, come tutte le grandi costruzioni, ha richiesto tempo, pazienza e dedizione.

Alle spalle ci sono circa due anni di studi, ricostruzioni manualistiche, ricerche monografiche, persino studi dei registri di commercio dell’epoca, dai quali ho estrapolato vocaboli, figli del tempo, della “moda” di quel periodo. Il tutto inserito all’interno di un romanzo complesso, che risponde alla complessità dell’età raccontata.

  • Una delle cose che mi ha personalmente colpita maggiormente è stata la tua capacità di delineare i personaggi anche semplicemente con la descrizione della loro gestualità.

Posso chiederti cosa invece ha colpito te? Cosa non conoscevi affatto e che, nella ricerca, ti ha lasciato a bocca aperta?

Tante cose. Non conoscevo tante cose. I personaggi, come hai detto, vengono definiti dai dialoghi e dalle azioni. Parlando di Cosimo, per esempio, all’inizio pensi che sia un banchiere, un uomo d’affari. Poi però comprendi la sua umanità, i suoi amori, la sua consapevolezza di esser circondato da nemici per la gestione del patrimonio.

Lui era un appassionato di arte e si è profuso con notevole impegno per promuoverla  e diffonderla in città. Ne emerge un uomo straordinario, che ha dato tantissimo all’Italia, paese spesso più dell’oblio che della memoria.

 

  • Tre parole tre con cui definiresti il tuo libro.

 

Letterario, popolare, travolgente.

 

Si Matteo, è così.

 

a cura e con la cura di Natalia Ceravolo


SCHEDA del LIBRO

Titolo: I Medici. Una dinastia al potere
Autore: Matteo Strukul
Editore: Newton Compton Editori