LEGGERE PAROLE LEGGÈRE

Anime scalze


ceravolo_rubrica

Quando ho terminato la lettura del libro ho pensato “cavoli, è proprio il titolo perfetto”. Non capita sempre, non è così scontato, che il titolo o che ne so il nome di una portata in un menù, corrispondano esattamente a quello che la tua testa ed il tuo palato si aspettano. Qui invece ricevi esattamente quello che attendi. I protagonisti, i loro sguardi, le differenze di età, le differenze sociali, le diverse case. Che poi tutto così diverso non è. Quando si spogliano, quando si incontrano davvero, quando sono nude. È potente nelle parole Geda, nella descrizione dell’adolescenza e dei...

Continue Reading →

Per sempre vostro

ceravolo_rubrica

Ci sono delle cose che necessitano di poche parole. Degli sguardi. Delle foto. Delle opere d’arte. Anche delle persone. Quelle che si incrociano e si capiscono e basta. A volte mi capita anche con i libri. Lasciano delle impronte talmente precise che parlano da soli. Ecco. Se ci fosse una sotto rubrica a questa rubrica qui, oggi inaugurerei quella de “i libri che parlano da soli”. Quelli che parlano a parole loro e non a parole mie. Questo di Paolo Bianchi è un tuffo a piena faccia nel mondo dell’informazione. Gli occhi di un giornalista, Emilio Rivolta (in nomen omen)...

Continue Reading →

Giro vita

ceravolo_rubrica

Volevo parlare di questo libro prima dell’8 marzo. Volevo farlo prima che ci fosse la chat whatsapp del gruppo “Cosa facciamo mercoledì sera ”? Volevo farlo perché ogni cosa ha davvero il suo tempo. Il tempo. Quel tempo. Quello in cui ognuna di noi capisce ciò che è. Il punto di partenza, la linea del viaggio. Ci metti una vita, anno più anno meno. Il fatto è che ce la siamo cantata talmente tante volte quella roba che siamo così dolcemente complicate, certe giornate amare lascia stare, che ci abbiamo creduto. Pure troppo. Perché a volte invece non siamo complicate...

Continue Reading →

Quando cadono le stelle

ceravolo_rubrica

«Io faccio questo. Ho sempre fatto questo. Trasformo le cose, le faccio diventare meraviglia». Ho tra le mani una cosa che ha la forma di un libro, ma la consistenza di uno scrigno. Ho tra le mani 216 pagine di vita degli altri. Una scrittura che ti avvolge e che lascia il profumo nella stanza, come quando lo spruzzi e vai via. Una cosa che resiste, anche a libro chiuso e luci spente. Ci sono dentro tutti i grandi personaggi che puoi immaginare. Chiudi gli occhi, pensa ad un nome. Ecco, qui dentro c’è. E lo ritroverai alla ricerca costante...

Continue Reading →

Quadrilogia di Tallone&Carillo

ceravolo_rubrica

QUADRILOGIA Il postino di Superga La riva destra della Dora La curva delle cento lire La maschera di Lola “Raffaele, l'unico posto che valga la pena frequentare, di questi tempi, è la galera. Soltanto lì dentro s'imparano le cose che servono, come i decaloghi, per esempio” Se è vero, come è vero, che leggere (leggermente o meno) un libro ha la stessa valenza di un cammino, leggerne quattro è davvero un pezzo di storia. Le parole non sono più soltanto impresse e stampate, ma emergono, fluttuano, creano figure, volti precisi. Persino il tono di voce. O gli odori. Si. Oggi io...

Continue Reading →